Celestass

Celestass

Celestass

Celestass – Consiglio Direttivo

Giorgio Aguglia: Presidente
Oronzo Sticchi: Vicepresidente
Lucia Amato: Rapporti con le Scuole
Leandro Bernardini D’Arnesano: Tesoriere
Carmelo Cipriani: Cultura
Carlo Fumarola: Rapporti con altre Associazioni
Loretta Martella: Cultura
Alfredo Marzo: Addetto Stampa
Michele Suriano: Ambiente

 

Perché è nata CELESTASS

All'inizio degli anni settanta del secolo scorso, il centro storico di Lecce è in stato di deplorevole degrado, molte case nei vicoli e non pochi prospetti delle chiese barocche sono pericolanti e puntellati: crolla una parte del cornicione di San Matteo e sfonda un'autovettura parcheggiata; crolla il soffitto di una casa in corte delle Armelline e muore una bambina!  

Si deve far qualcosa per stimolare le Istituzioni a porre riparo. Con atto per notar D. Mancuso 30 maggio 1973, Giorgio Aguglia costituisce CELESTASS, Associazione per la Tutela del Centro Storico di Lecce.

Riunioni, convegni, dibattiti, diffide... L'opinione pubblica si attiva: con atto per notar G. Tavassi 28 febbraio 1978, d'intesa con il Rettore dell'Università degli Studi di Lecce Mongelli, con il Parroco della Cattedrale Mannarini, con il Presidente dell’Associazione Provinciale Artigiani Macchia, e con vari cittadini, CELESTASS costituisce la Consulta Permanente per il Centro Storico di Lecce, al fine, tra l’altro, di "proporre agli organi istituzionalmente preposti al governo della Città di Lecce e ai tecnici incaricati della redazione del piano regolatore generale, le soluzioni più idonee per una sollecita rivitalizzazione del centro storico". Seguono ulteriori attività di stimolo e sollecito: il Comune finalmente dà inizio al recupero della città.

Le fotografie in basso riportano lo stato di degrado del Centro Storico ed alcune delle azioni di cui CELESTASS si è resa protagonista per stimolare le Istituzioni ed i cittadini a prenderne coscienza e ad agire.

Anche l'ambiente, il paesaggio sono minacciati: con altro atto per notar G. Tavassi 28 aprile 1978, Giorgio Aguglia costituisce la sezione leccese del WWF e conduce una serie di battaglie riuscendo a scongiurare la prevista realizzazione di villagi turistici a le Cesine, Portoselvaggio, il Ciolo. Si pone freno al degrado della costa!

I beni culturali di Lecce e Provincia sono poco conosciuti dai leccesi. Nel dicembre dell'anno 2000 Giorgio Aguglia costituisce la Delegazione leccese del FAI che in dodici anni di intensa attività apre al pubblico immobili pubblici e privati non accessibili, dando impulso in questo modo al loro restauro; nel settembre 2005 organizza un Convegno Nazionale su "La tutela dei valori e delle identità del Paesaggio costiero nello sviluppo del turismo", che si conclude, tra l’altro, con un sollecito al Ministero dei Beni Culturali e alla Regione Puglia a "predisporre (o completare) l’attività programmatoria (piano regionale delle coste), nonché ad individuare gli interventi di recupero e riqualificazione delle aree significativamente compromesse o degradate, e a imporre, con un’apposita legge di tutela e recupero delle coste, standard di qualità architettonica e paesaggistica, idonei ai vari siti, per guidare i modelli d’uso delle coste e prevenirne il degrado".

Lecce e il Salento sono pronti per essere offerti all'ammirazione dei turisti! (Peraltro in data 2 agosto 2013 è stato adottato il Piano Paesaggistico Territoriale della Regione Puglia). E' necessario, però, organizzarsi: con atto 28 genn. 2013 per notar R. Pallara, CELESTASS amplia l'oggetto sociale e diviene "Associazione per il Paesaggio e i Centri Storici del Salento". Si dà così inizio al coinvolgimento di enti, associazioni, privati, per una collaborazione fattiva, un fermento culturale corale che "facciano sistema" nell'intento di far conoscere il Salento nei suoi molteplici aspetti: cultura, arte, musica, poesia, natura, enogastronomia... da assaporare in quel momento magico in cui la primavera si affaccia sull'estate e ogni cosa ogni fiore ogni sapore ogni canto tutto qui rifiorisce...

Nasce così il Maggio Salentino.


L'"Arco di Prato"


Le condizioni del Centro storico di Lecce


Articolo sulla "Gazzetta del Mezzogiorno" sulle condizioni del centro storico


Intervento di CELESTASS sulla "Gazzetta del Mezzogiorno"


Articolo su "La Tribuna del Salento"


Locandine delle iniziative di CELESTASS per sensibilizzare la cittadinanza e i turisti sulle condizioni del Centro storico di Lecce

Giorgio Aguglia - Celestass

Giorgio Aguglia per oltre undici lustri ha esercitato la professione di avvocato, costituendo nel 1964 l’Associazione Salentina Avvocati e Procuratori e collaborando negli anni ‘90 con il Centro studi giuridici “Michele de Pietro” quale presiedente della Commissione di diritto e procedura civile.

Da decenni impegnato nella tutela del paesaggio e dei beni culturali, nel 1973 fonda CE.LE.ST.ASS – Associazione per il Centro della Lecce Storica e nel 1978 la Consulta per il Centro Storico di Lecce, dando avvio al recupero del centro storico della città.

La brochure del Maggio Salentino